Iniziative

Scuola-Laboratorio

La Scuola-Laboratorio del progetto Casa Sanità vuole formare “narratori di comunità” che hanno il compito di raccogliere, documentare e diffondere la storia orale e la memoria della comunità residente.

Il percorso formativo si svolge da settembre 2021 a febbraio 2022 con 5 laboratori disciplinari e un evento finale di condivisione.

Con 150 ore complessive di formazione, agli studenti universitari sono riconosciuti 6 cfu per Attività di tirocinio dei singoli Corsi di Laurea, secondo le convenzioni attivate con il Dipartimento di Scienze sociali dell’Università Federico II e il Dipartimento di Scienze umane e sociali dell’Università L’Orientale di Napoli.

Laboratorio storia orale

In questo laboratorio si applica la metodologia di raccolta, interpretazione e valorizzazione di fonti orali. Alla preparazione teorico-pratica seguirà un’esperienza di conduzione diretta dell’intervista, già concordata con testimoni locali. Gli obiettivi sono quelli propri della metodologia della ricerca di storia orale:

  • Documentazione: raccolta di storie di vita di persone attraverso un’intervista
  • Empowerment: usare le interviste anche per la loro funzione performativa per il/la testimone
  • Rigenerazione: una raccolta di storie di vita a livello di quartiere fa emergere narrazioni escluse dal discorso pubblico, consente di ridefinire un’identità locale stereotipata e stigmatizzante permettendo alla comunità di discutere e modificare il discorso che viene fatto su di sé.

Laboratorio digital storytelling

In questo laboratorio si uniscono pratiche assodate della storia orale, suggestioni dello storytelling e uso di nuove tecnologie. L’obiettivo è duplice: imparare a progettare un archivio orale digitale definendo standard e apparati di corredo (schedatura, indicizzazione, trascrizione); elaborare “prodotti culturali” avvalendosi degli strumenti della public history.

Attraverso l’archiviazione e la diffusione pubblica, le interviste realizzate diventano parte del patrimonio immateriale di un territorio in fermento e permettono di rafforzare il senso di appartenenza alla comunità e quindi stimolare la partecipazione dei cittadini.

Laboratorio di geo esplorazione

Il laboratorio si basa sulla pratica conoscitiva di interpretazione e narrazione del paesaggio, inteso come bene comune. L’obiettivo è la produzione di contenuti sperimentali attraverso tre fasi:

  • Osservazione: l’adozione di una postura rasoterra rappresenta una forma di conoscenza primaria, relazionale e reticolare, della realtà circostante
  • Interpretazione: l’esperienza del camminare e del transitare è attività transculturale che immagina lo spazio in maniera originale e genera luoghi
  • Appaesamento: il riconoscimento geostorico e le geonarrazioni di quartiere, fondano tra vecchi e nuovi cittadini, giovani uomini e giovani donne, nativi e migranti legami di appartenenza affettiva nel mondo che cambia.

Laboratorio di comunicazione mediata

In questo laboratorio si lavora alla produzione assistita di contenuti sperimentali, concentrandosi sul rapporto tra tecno-cultura e narrazione e tra memoria storica e nuove forme del narrare.

I partecipanti partecipano alla realizzazione del sito-archivio per comunicare i contenuti del progetto di Casa della Memoria del Rione Sanità con l’obiettivo di rendere vivo, pubblico e comunitario un archivio digitale online. Inoltre, è con questo laboratorio che si penserà al futuro di Casa Sanità elaborando un piano di comunicazione per agevolare la condivisione dei materiali prodotti.

Laboratorio marketing territoriale

In questo laboratorio si approfondisce la narrazione di comunità nel paesaggio utilizzando strumenti di marketing territoriale. Anche in questo caso, l’attenzione è rivolta al futuro di Casa Sanità per renderla in grado di operare come Destination Management Company. In particolare, i partecipanti imparano a:

  • promuovere cultura del territorio
  • acquisire consapevolezza della propria storia, orgoglio di appartenenza, senso di identità, piacere dello scambio interculturale
  • favorire la costituzione di una comunità solidale capace di produrre opportunità di lavoro e benessere sostenibile.

Lascia un commento